CENTRO CLINICO DIAGNOSTICO PESARO

  • Nutrizione e Alimentazione

    Specialistiche
    consulenza nutrizionale
    bioimpedenziometria BIA per la valutazione corporea: massa grassa, massa magra, acqua intra ed extracellulare, componenti stress e infiammazione correlata

    i servizi possono essere richiesti con la formula CODICE BIANCO

    LA VISITA NUTRIZIONALE.

     

      La Visita Nutrizionale serve a:

    • perdere peso (perdere massa grassa preservando la massa magra);

    • imparare a conoscere ciò che si mangia(educazione alimentare);

    • contrastare problemi quali:ipercolesterolemia, reflusso, diabete, ipertensione, sindrome metabolica, PCOS, intolleranze e allergie alimentari, ritenzione idrica, gonfiori addominali, celiachia ed altre patologie (epatiche, renali, intestinali).

       

    Come si svolge: gli INCONTRI NUTRIZIONALI

    La visita nutrizionale si avvale di un insieme di valutazioni attraverso le quali il nutrizionista stima la composizione corporea del soggetto, il fabbisogno caloricole misure antropometriche per poi stabilire assieme al pazientegli obbiettivi, i tempi e la tipologia di percorso da intraprendere.

    La visita nutrizionale segue un percorso a tre tappe: 

    acquisizione dei dati (di interesse nutrizionale, personale e familiare);

    elaborazione della dieta;

    visite di controllo.

     

    1. - Primo Incontro (acquisizione dei dati)

    • Duranteil primo incontro il nutrizionistaeffettua una valutazione generale della persona:

    • Valuta la storia delle patologie familiari e del paziente al fine di poter prevenire eventuali patologie di carattere eredo-familiare;

    • Raccolta di informazioni sulla storia del peso del pazientee sulle oscillazioni di pesoche il paziente ha presentato negli anni;

    • Rilevazioni antropometriche; rilevamento di altezza, peso, circonferenze, BMI (Indice di massa corporea), MB (Metabolismo basale a riposo), valutazione del fabbisogno energetico;

    • Anamnesi nutrizionale: il nutrizionista (attraverso il recall delle 24 h, storia alimentare) studia le abitudini alimentari e lo stile di vita del paziente per poter elaborare un piano alimentare quanto più facilmente eseguibile;

    • Anamnesi sportiva(attività fisica svolta, orari, frequenza, durata).


    •  

    1. Secondo Incontro (elaborazione del piano alimentare)

    • Il piano alimentare personalizzatoverrà consegnato in un secondo incontro oppure tramite e-mail. Verranno, fornite le seguenti informazioni:

    • spiegazione del piano alimentarepersonalizzato;

    • modalità di preparazione e dicottura degli alimenti;

    • consigli su quali prodotti evitare equelli da preferire(in relazione alla patologia riferita);

    • ricetteanche per coloro che pranzano fuori casa o che lavorano su turni.

     

    1. Incontri Periodici (visite di controllo)

    Solitamente viene stabilita la data per l’incontro successivo a distanza di 4 settimane dalla consegna del piano alimentare personalizzato; questi incontri sono fondamentali in quanto rappresentano momenti per poter intervenire in maniera esaustiva nel caso esistano dei punti di non aderenza al programma, per risolvere dubbi del paziente e per fornire nuovi stimoli ed input motivazionali. La visita di controllo è essenziale per permettere al nutrizionista di intervenire in modo efficace nel superare le eventuali difficoltà e perseverare nel raggiungimento degli obiettivi.

     

    Durata e costo della visita

    • La durata della prima visita è di circa un’ora. Il costo della prima visita è di euro 100,00. 

    • La durata della visita di controllo è di circa 30 minuti. Il costo del controllo è di euro 50,00. 

     

  •